Finalità

La nostra prima iniziativa risale all’anno scolastico 2002-03. Con essa Docenti e Genitori delle scuole medie di Modena hanno diffuso e ampliato iniziative già avviate da tempo in alcune scuole della città.

Si è partiti dalla constatazione che per i ragazzi difficili non erano adeguate le attività scolastiche normalmente predisposte nel curricolo scolastico e che era necessario promuovere attività specifiche mirate a far riacquisire autostima e motivazione, presupposti fondamentali per l’apprendimento.
La considerazione fondamentale è che, se si riesce a favorire il benessere dei ragazzi in difficoltà, tutti gli altri ragazzi della scuola ne trovano giovamento, perché si crea un clima positivo e questo, a sua volta, determina una situazione favorevole al superamento delle difficoltà scolastiche e personali.

Soggetti promotori
Tutte le dieci scuole secondarie di 1° grado del Comune di Modena in rete
Scuola capofila è la scuola secondaria di primo grado “G.Ferraris”.

Soggetti finanziatori
Fondazione Cassa di Risparmio di Modena , Comune di Modena, Regione Emilia Romagna (primo anno)
Destinatari
Tutti gli alunni frequentanti le scuole secondarie di 1° grado cittadine con particolare riferimento alle ragazze e ai ragazzi in difficoltà relazionale, di apprendimento, sociale.

Obiettivi
- sperimentare nella rete delle scuole cittadine metodologie innovative finalizzate al
contenimento della dispersione scolastica e del disagio adolescenziale
- ampliare e qualificare l’offerta formativa delle scuole anche attraverso il coinvolgimento
diretto di genitori, associazioni, volontariato, terzo settore per “costruire” capitale sociale
- costruire modelli di intervento confrontabili e trasferibili in altri contesti

Contenuti
Interventi di prevenzione del disagio e della dispersione scolastica attraverso lo svolgimento di attività e la costruzione di un contesto di vita scolastica ed extrascolastica favorente il benessere dei ragazzi in difficoltà
Attività svolte nelle scuole
Laboratori pomeridiani
Laboratori in orario scolastico
Tutoraggio
Sportello d’ascolto
Studio assieme

Il capitale sociale :
1)La rete dei genitori
Si è ottenuto un impegno sempre crescente dei comitati genitori ed è stata costituita l’associazione di volontariato Città e Scuola
La fortissima presenza e partecipazione dei genitori alla vita della scuola è inoltre uno dei risultati più innovativi raggiunti dalla rete delle scuole medie, in controtendenza rispetto alla situazione del resto di Italia.
2) La collaborazione con il territorio
Il progetto, oltre ad aver raggiunto l’obiettivo di realizzare un’efficace rete fra scuole, ha creato le condizioni per costruire una rete fra scuole e territorio operando con soggetti diversi che riescono sempre di più a collegare le rispettive attività.

Comments